Skip to main content

Storicamente il noleggio a lungo termine è stato visto come un servizio riservato alle partite iva e più in generale a chi percorre molti km.
Quante volte hai pensato “ma io da privato non detraggo nulla!” oppure “faccio pochi km, non mi conviene” o anche “ma poi a fine contratto non mi rimane niente”?

In questo post ti daremo tutte le risposte.

Per prima cosa vogliamo sottolineare che la comodità del noleggio è valida per tutti. Anche per un privato è certamente interessante avere una spesa mensile fissa che comprenda tutti i servizi legati all’auto quali: Coperture Assicurative, Manutenzioni, Assistenza e molto altro.
Il noleggio permette una trasparenza ed una pianificazione dei costi che l’acquisto per sua natura non consente.

  • “Ma da privato non detraggo nulla”.
    E’ vero, per i soggetti privati non c’è un vantaggio fiscale ma è anche vero che nemmeno acquistando in contanti o con finanziamento sono previsti dei vantaggi in termini di fiscalità.
  • “Faccio pochi km, non mi conviene”.
    Il canone di noleggio è strettamente legato ai km inclusi nel contratto. Ciò significa che un contratto con pochi km avrà un canone inferiore rispetto ad un altro che ne includa molti. Inoltre negli ultimi anni i noleggiatori hanno messo in commercio dei prodotti più flessibili e adeguati alle esigenze di un privato che, per esempio, utilizzi la macchina solo nel weekend. Rientrano in questa offerta i prodotti pay per use che propongono un canone molto basso con un costo prestabilito per i km percorsi.
  • “Ma poi a fine contratto non mi rimane niente”.
    E menomale, aggiungiamo noi! Stipulando un contratto di noleggio si ha la certezza di non avere costi al termine della durata stabilità. Ciò significa avere una certezza dei costi e soprattutto la possibilità di essere liberi di modificare il prodotto da utilizzare per la mobilità. Oggi esistono molte forme di acquisto rateale che permettono di avere una rata mensile molto conveniente ma a fronte di un riscatto importante a fine contratto. L’alternativa al riscatto è rappresentata da un nuovo contratto ed in questo modo ci siamo legati ad un solo marchio e l’unico modo di uscirne è sborsare una somma importante per una vettura che ha già 4 o 5 anni.
    Infine è importante sottolineare che ogni volta che vendiamo una vettura usata per acquistarne una nuova stiamo sicuramente perdendo del valore dal momento che il reale valore di rivendita difficilmente coincide con le aspettative iniziali.
×

Non hai trovato quello che cercavi?
Scrivici qui

×